Comico

N/D
HD
La settimana al mare

Carlo Martinelli è un giovane studente universitario di psicologia. Vive ancora con i genitori: il padre è un rappresentante di una ditta e la madre è casalinga ed è iperprotettiva nei suoi confronti. Il padre, allora, per il bene di Carlo, facendo credere di voler accompagnarlo in un viaggio d’affari in Arabia Saudita, decide di portarlo con sé in una località di mare, per farlo diventare un vero uomo e fargli conoscere una donna. Giunti nell’albergo, ospiti di un amico del padre, un certo Orazio Canestrari che si finge turco, Carlo conosce la bella Angela Marconcini, la direttrice dell’albergo, di cui si invaghisce. Il padre di Carlo non sa però che suo figlio se la cava ed anche bene con le donne: sfrutta infatti la psicologia per sedurle. Così, mentre il padre di Carlo cerca di trovare al figlio una donna (dapprima prova a convincere una istruttrice di tennis, miss Margaret, che però si invaghirà di lui, poi trova un’odalisca che però si rivela essere un uomo), Carlo utilizza la psicologia per sedurre Angela. Angela però viene a sapere in maniera fortuita che in realtà Carlo non è affatto un tipo timido ed impacciato, ed è furiosa con lui per averle mentito. La madre di Carlo intanto scopre parlando con un’amica che in realtà suo marito non è partito per l’Arabia Saudita ma è al mare con Carlo, e qui lo raggiunge riempiendolo di botte e minacciando il divorzio. A questo punto sopraggiungono Carlo ed Angela che, riappacificati fra di loro, comunicano alla madre di Carlo che Angela è incinta. Alla notizia, la madre sviene. Il film si conclude con la partenza di Carlo ed Angela per il viaggio di nozze. La madre di Carlo apparentemente sembra non esserci, ma in realtà si trova nella cabina accanto a quella dei due novelli sposi. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
La mia vita è un disastro

Georgia Nicolson è una quattordicenne che vive a Eastbourne, cittadina marittima inglese. Lei e le sue amiche del cuore Jas ed Ellen hanno i problemi di tutte le loro coetanee che finiscono con sintetizzarsi in uno: come piacere ai ragazzi. L’esigenza si fa ancor più impellente quando arrivano in città e a scuola due fratelli belli e desiderabili. La lotta però sembra essere impari perché la smorfiosa di turno riesce ad accalappiare uno dei due grazie a tanga esibiti e coppe inserite nel reggiseno. Inoltre Georgia ha grattacapi anche a casa. Al padre è stato affidato un importante incarico in Nuova Zelanda e la madre sembra irrimediabilmente persa dietro le grazie di un aitante arredatore che sembra non finire mai il suo lavoro. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Un tipo imprevedibile

Il giovane Happy Gilmore ha una grande passione per l’hockey su ghiaccio ed è deciso a diventare un campione in questo sport. La squadra della scuola però lo rifiuta, e, mentre sfoga la propria rabbia, Happy scaglia con forza alcuni oggetti lontanissimo. Quel gesto casuale lo fa approdare ad un’altro sport completamente diverso, il golf. Chubbs, allenatore di colore con una sola mano, lo incoraggia e cerca di insegnargli come ci si comporta su un campo di golf. Happy è infatti molto rozzo, veste male, ha modi pesanti e tutti lo prendono in giro. Comincia a partecipare a qualche gara e le sue escandescenze con lancio di mazza sul campo fanno infuriare soprattutto Shooter Mc Gavin, il giocatore più pagato del circuito, che vorrebbe l’esclusione del ragazzo. Ma il patron, che ha visto salire gli indici d’ascolto televisivi, affida a Virginia il compito di curare l’immagine del ribelle. Happy, saputo che la nonna ha bisogno di denaro per salvare la propria casa, si impegna ancora di più nelle gare. Si arriva allo scontro finale tra lui e Shooter. Dopo una gara combattutissima, Happy ha la meglio, ottiene i soldi, torna a casa con la nonna e con Virginia, innamorata di lui. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Benvenuti al Sud

Alberto è un mite responsabile delle poste della bassa Brianza a un passo dal tanto sospirato trasferimento nel centro di Milano. Quando gli comunicano che la promessa rilocazione gli è stata revocata per dare precedenza a un collega disabile, Alberto, per non deludere le speranze della moglie e del figlio, decide di fingersi a sua volta disabile. Durante la visita di controllo, commette però un’imprudenza e, come punizione, gli viene imposto un trasferimento in Campania, in un piccolo paese del Cilento. Per un lombardo abitudinario e pieno di preconcetti sul Sud Italia come lui, la prospettiva di vivere almeno due anni in quei luoghi rappresenta un incubo, cui si prepara con un nuovo guardaroba di vestiti leggeri e giubbotto antiproiettile. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Il professore matto

Brillante docente universitario, Sherman Klump ha un problema, l’obesità. I suoi studi di genetica lo aiutano a trovare la formula per trasformarsi nello sdutto e atletico Buddy Love. Due inconvenienti: l’effetto dura poche ore e gli cambia il carattere. Remake di Le folli notti del dottor Jerryll (1963), sceneggiato da D. Sheffield, B.W. Blaustein, T. Shadyac e S. Oedekerk con Jerry Lewis come produttore esecutivo. Grazie alla tecnologia digitale e ai trucchi del prestigioso Rick Baker (e di David Leroy Anderson), E. Murphy sfoga il suo camaleontismo non soltanto nello sdoppiamento, ma in 5 componenti della famiglia Klump seduti alla stessa tavola. Non esente da una facile buffoneria “bassa” (rutti, flatulenze, ecc.), il suo virtuosismo è, insieme, la forza e il limite del film di cui rallenta i tempi comici. Fuente

N/D /1
N/D
HD
Ufficialmente bionde

Quando Annie e Izzy Woods, le giovani e biondissime gemelle, cugine di Elle Woods, si trasferiscono dall’Inghilterra alla California, pensano che i loro bellissimi abiti rosa e i loro micro chihuahua possano essere sufficienti per sentirsi come a casa. Una volta arrivate, però si rendono conto che sono a miglia di distanza dal loro modo di vivere divertente e fashion, e dovranno affrontare non soltanto le uniformi e la rigidità della nuova scuola. Infatti, si schiera subito contro di loro.. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Cari fottutissimi amici

Con partenza da Firenze il 26 agosto 1944, dopo l’arrivo degli Alleati, un anziano ex pugile mette insieme un quartetto di giovanotti affamati allo sbando, portandoli a tirar pugni nelle sagre di paese. Film corale picaresco di svelta protervia e apparente futilità in una miscela di disincanto e buffoneria, pathos e ironia, crudeltà e tenerezze di contrabbando. Soggetto di Rodolfo Angelico, sceneggiato da L. Benvenuti, P. De Bernardi, S. Cecchi D’Amico, M. Monicelli. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Bianco, rosso e Verdone

In occasione delle elezioni politiche, alcuni personaggi residenti per lavoro in altre città e all’estero, rientrano a Roma. C’è il padre di famiglia pedantemente ossessivo che fa fuggire la moglie con un altro; il burinotto emigrato in Germania che sogna di gustarsi finalmente la cucina italiana e un ingenuo ragazzone che deve accompagnare la nonna, ma la copre di premure così asfissianti da farla… morire di rabbia. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Allegro non troppo

Fantasia musicale di animazione come Fantasia di Disney, ma fatto meglio a Milano (riprese dal vivo nel teatro Donizetti di Bergamo). Le musiche tradotte in disegni animati sono di Debussy, Dvorak, Ravel, Sibelius, Vivaldi, Stravinsky. “Disney ha dato un’illustrazione essenzialmente grafica della musica, mentre io ho cercato di raccontare delle storie… è molto più difficile realizzare una storia seguendo la musica che non abbandonarsi alla fantasia grafica.” (B. Bozzetto). Costato 3 anni di lavoro, nel 3° lungometraggio del regista milanese si coniugano l’invenzione grafica, la vena narrativa e la riflessione morale, congiunte nel vincolo dell’ironia. Gustosi gli intermezzi comici dal vivo (anche con tecnica mista) di Maurizio Nichetti con un’orchestra di vecchiette truccate e vestite (da Lia Morandini) in stile art déco. Un bell’esempio di metacinema. Sceneggiatura di B. Bozzetto, G. Manuli, M. Nichetti. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Totò Diabolicus

Il marchese Galeazzo di Torrealta viene ritrovato dalla sua convivente con un pugnale conficcato nel petto. Il delitto porta una firma. Diabolicus. Si sospetta subito dei quattro fratelli del defunto: un chirurgo, un monsignore, un militare e una sorella sposata con un nobile. Costoro avrebbero temuto che la cospicua eredità di Galeazzo andasse alla donna. Tre di loro vengono però assassinati e la polizia così brancola nel buio non potendo sospettare del sopravvissuto: il monsignore. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Tano da morire

Storia parlata, cantata, suonata e un po’ ballata di Tano Guarrasi, boss palermitano di quartiere ucciso nel 1988 da un sicario dei corleonesi, e delle sue quattro sorelle zitelle. Scritto (con Gianluca Sodaro ed Enzo Paglino) e diretto dalla milanese R. Torre, trapiantata a Palermo nel 1991, interpretato da un centinaio di palermitani non professionisti, è un film dove si mette in musica _ non in burla _ la mafia, rappresentata dall’interno, partendo dall’immaginario dei suoi personaggi/attori che la sentono come un sistema di valori che ha strutture, necessità, codici, riti. Le musiche e le canzoni del napoletano Nino D’Angelo, la dimensione di sceneggiata, la cultura dei vicoli sono gli strumenti con cui questo sistema di valori _ criminali, ma non soltanto _ è stato rappresentato in modi critici e, insieme, appassionati. Film impudico e blasfemo che trasforma l’antropologia in spettacolo e comunicazione con una qualità rara nel cinema italiano (europeo): l’energia. 1° premio a Sulmona. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Hot Shots

Topper Harley è un pilota della Marina degli Stati Uniti congedato per aver disobbedito ad un ordine diretto, figlio di un ex pilota ritenuto responsabile di un incidente aereo nel quale aveva perso la vita un compagno d’armi. Il giovane risulta essere un pilota molto capace, tuttavia un po’ ribelle e con qualche problema caratteriale a causa di un sempre presente conflitto interiore col padre con il quale viene spesso paragonato. Reintegrato nell’arma per prendere parte alla delicata missione “Donnola Tormentata” incontra una giovane psicologa, Ramada, la quale cerca di sondarne le facoltà intellettive ed i limiti. I due lentamente si innamorano, proprio mentre Topper inizia ad entrare in competizione con Kent Gregory, pilota anch’egli, figlio dell’uomo che perì a causa del padre di Topper, nonché ex fidanzato di Ramada. Sul punto di essere costretto ad abbandonare definitivamente gli aerei della Marina militare americana, Topper si rende conto che è in atto un sabotaggio per far fallire la missione per la quale era stato richiamato. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Toto’ E Cleopatra

Totò interpreta Marco Antonio e il suo fratellastro-sosia Totonno: perso d’amore per Cleopatra il primo, losco trafficante di schiavi il secondo, che sostituisce segretamente il condottiero nei momenti più delicati. La continua apparizione ora del vero ora del falso Marco Antonio genera lo scompiglio: la regina d’Egitto non sa più cosa pensare del contraddittorio comportamento dell’uomo che credeva di avere in sua balìa, mentre il Senato romano si trova alle prese con repentini mutamenti di intenti. Poi scoppia la guerra fra Roma e l’Egitto. Ottavio (Gianni Agus) vince gli egiziani sul campo di battaglia e, come promesso, concede la propria sorella Ottavia (Moira Orfei) in sposa a Totonno (oramai nelle vesti di Marco Antonio). Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Le Barzellette

La ditta Vanzina Bros ha puntato nel 2004 sulla vecchia formula del film a episodi, mettendo in fila decine e decine di barzellette. Il genere è antico: fu praticato persino dall’Ariosto nel Cinquecento. E, una o due per volta, diverte un po’ tutti, colti e incolti. Se ne era già accorta la televisione, no? (La sai l’ultima?) Qui si comincia e si finisce in sala operatoria. Costretti a (re)censire e analizzare la qualità delle barzellette raccolte e sceneggiate, dovremmo concludere che, cinema a parte, il livello è bassotto. I Vanzina, e la Filmauro, però, hanno fatto centro al botteghino. 17° posto nella classifica generale della stagione 2003-04, 5° tra i film italiani, visto da 1.109.513 spettatori paganti. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Totò Cerca Casa

Roma, seconda metà degli anni quaranta. Beniamino Lomacchio, impiegato del Comune con moglie e due figli a carico, dopo aver perso la casa a seguito di un bombardamento avvenuto durante la Seconda guerra mondiale decide di trasferirsi momentaneamente in un’aula scolastica. Tutto fila liscio fino a quando il Comune decide di sgomberare gli sfollati per riaprire la scuola. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Vita Smeralda

Tre ragazze, Luana, Elena e Silvia, ventenni stanche di vacanze normali, fatte di campeggi e falò sulla spiaggia, decidono di diversificare le loro ferie e decidono in andare in Sardegna, nella patinatissima e super glamour Costa Smeralda, meta italiana incontrastata di divi e divette medianiche, immergendosi in un’atmosfera vita tutta feste e yacht. Jerry Calà, già interprete di numerosissime commedie stile Milano da bere, torna dietro alla macchina da presa dopo aver già diretto nel 1997 Gli inaffidabili e firma Vita Smeralda, filmetto noioso e che sembra avere l’unico intento di diventare una sorta di film reality che porta sul grande schermo tutti i personaggi, chi meteora chi da sempre protagonista del gossip estivo, che da qualche tempo imperversano sul grande schermo. Un film che davvero di positivo non ha quasi niente: la regia è infatti piatta e impersonale, la recitazione è assolutamente mediocre, affidata appunto non ad attori seri e preparati ma a improbabili personaggi tv. La dice lunga il fatto che una delle protagoniste sia l’ex Miss Italia Eleonora Pedron, diventata tormentone tv dopo essere stata la “meteorina” di Emilio Fede e poi la fidanzata di Max Biaggi. E se quanto meno sotto alle righe dei film dei fratelli Vanzina si legge una sorta di ironica critica al lussuoso mondo che raccontano, qui si assiste a una quasi compiaciuta messa in scena di una triste realtà contemporanea. Ad accompagnare un intreccio narrativo quasi inesistente, un imponente numero di comparse di cosiddetti vip: dal re della notte Flavio Briatore all’altrettanto immancabile Umberto Smaila, da Little Tony alla rediviva Lory Del Santo ai fenomeni mediatici Daniele Interrante e Costantino. La lista sarebbe troppo lunga per essere enumerata tutta. La sensazione però è quella che se si era usciti di casa per non guardare la tv, ci si ritrova davanti a un grande schermo a guardare comunque la peggiore tv. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
I Due Mafiosi

Traumatico passaggio con insperato esito felice di due siciliani da Trapani a Parigi, trasportando una valigia di tritolo che credono piena d’oro e che viene scambiata per quella di un prestigiatore. Alla famosa coppia non si può negare il merito della coerenza farsesca. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Pierino La Peste Alla Riscossa

È uno dei quattro “apocrifi”, o imitazioni, dei “film-barzelletta” della serie di Pierino, ovvero non interpretati dal capostipite Alvaro Vitali, dove il caratterista e doppiatore fiorentino Giorgio Ariani recita nel ruolo del protagonista mentre il cast raccoglie personaggi ed interpreti dei film dell’attore romano, come Mario Brega, l’anziana e popolare Elena Fabrizi, Didi Perego, Jenny Tamburi e Renzo Montagnani. Data la dizione regionale di Ariani, si lascia intendere, dalle parole di Mario Brega, un’origine toscana del personaggio trasferitosi poi a Roma. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Mystery Men

Un trio di supereroi minori con superpoteri decisamente scarsi risiede a Champion City, dove il vero paladino della giustizia e difensore dei deboli si chiama Capitan Amazing. Quando però questi viene rapito dal suo acerrimo nemico Casanova Frankenstein, i tre aspiranti eroi dovranno rimboccarsi le maniche per salvare il mondo. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Franco E Ciccio Sul Sentiero Di Guerra

All’arrivo dei garibaldini in Sicilia due soldati borbonici scappano e, dentro una cassa, arrivano in America dove s’arruolano contro i pellerossa. Parodia mista del Gattopardo, del Mafioso di Lattuada e del western all’italiana. Uno dei 10 film interpretati nel 1970. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Cenci In Cina

Prato, simbolo del made in Italy dell’industria tessile in tutto il mondo. Vittorio Pelagatti e Armando Giachetti sono i proprietari della Gobbotex, un’azienda fondata dai nonni nel dopoguerra che oggi naviga in cattive acque e rischia di affondare per una crisi economica inarrestabile. La situazione si complica quando fa il suo ingresso nell’Unione Industriali di Prato, un’imprenditrice dagli occhi a mandorla, pronta a tutto. La Signora Lì, infatti, acquista aziende in difficoltà per poi ripartirle e rivenderle e la Gobbotex è l’oggetto dei suoi desideri. Vittorio, playboy spendaccione ed eterno scansafatiche, e Armando, marito fedele e lavoratore instancabile, hanno bisogno di un piano per evitare la bancarotta e preservare il tesoro costruito dai nonni tanti anni prima. La soluzione sta proprio nel passato, nei “soldi di cuoio” che i nonni hanno messo da parte e poi nascosto per i momenti di difficoltà. Una caccia al tesoro, che passa per vecchi dipendenti, amanti perdute e ricordi misteriosi, ci accompagna verso un finale a sorpresa. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Austin Powers In Goldmember

Austin Powers, dopo aver assistito a un film sulla sua vita interpretato dai migliori divi di Hollywood, cattura ancora una volta il dottor Male e si guadagna la nomina a baronetto. Il suo malvagio antagonista, per tutta risposta, convince l’olandese debosciato Goldmember a rapirne il padre. Lo scopo, ancora una volta, è quello di impadronirsi della Terra grazie a un cannone spaziale in grado di attirare un asteroide nell’orbita del pianeta. Ma Powers, ritrovata l’antica fiamma Foxxy Cleopatra, non farà gran fatica a sbrogliare la matassa trovandosi anche un inaspettato fratello. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Il Dottor Dolittle 2

Il Dottor Dolittle che sa, come è noto, parlare con gli animali deve questa volta salvare una foresta e il relativo orso che ci vive. Non ci sono però speranze per il plantigrado se non gli si trova una compagna. L’impresa non è facile. C’è chi ama Eddie Murphy e chi lo detesta. La valutazione del secondo film della serie (dopo l’inarrivabile originale) è legata alla maggiore presenza dell’attore anche nella fase della preparazione del film. Quindi “c’è di più”. Con tutte le conseguenze del caso. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Il Dottor Dolittle 3

Maya Dolittle proprio non ne va una giusta a causa del suo dono: per questo motivo la madre decide di mandarla in vacanza al Ranch Durango per le vacanze estive. Non è di certo la meta dei suoi sogni, ma almeno può fingere di essere una ragazza come le altre. La vacanza si fa decisamente interessante quando Maya incontra Bo, il figlio del proprietario, e comincia a stringere nuove amicizie. Purtroppo però si viene a sapere che per una crisi finanziaria il ranch sta per chiudere e che quindi bisogna tornare a casa. Comincia ad arrivare il malumore, ma non tutto è perduto. Infatti nessuno sa che tra loro c’è una ragazza molto speciale che non se ne starà ferma a guardare. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
E Ora Qualcosa Di Completamente Diverso

Compilazione dei migliori numeri del programma TV della BBC Flying Circus dei Monty Python tra cui il celeberrimo “Lumberjack Song”. Si ride per l’uomo col registratore nel naso, il pappagallo morto, la barzelletta più divertente del mondo (così irresistibile che diventa letale) e altri. È un film nato morto: non funzionava allora, non può funzionare adesso. Il suo interesse è quasi esclusivamente storico, riservato ai fans di stretta osservanza. Distribuito in Italia nel 1992. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Be Kind Rewind Gli Acchiappafilm

Jerry e Mike sono amici dall’infanzia. Jerry è il meccanico della zona. Vive in un camper e teme le radiazioni che provengono, secondo lui, dalla centrale elettrica vicina. Mike lavora in un negozio che noleggia videocassette di proprietà del signor Fletcher, un appassionato fan di Fats Waller. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Sing Sing Chiama Wall Street

Nel carcere diretto da Warden Tennant che, spietato, abusa di ogni mezzo di corruzione, pur di ottenere sempre e comunque la disciplina vi entra Herbie Altman, un giovanotto accusato ingiustamente di appropriazione indebita. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Montecarlo Gran Casinò

Gruppo di italiani in trasferta al Casinò di Montecarlo. Due fratelli ricconi sognano di sbancare la casa da gioco; il playboy romanaccio e maldestro; l’imbroglione tonto in cerca di polli da spennare e il baro vero. La solita ricetta di tutti i film più o meno vacanzieri di C. Vanzina: tanti sketch, non tutti divertenti, non tutti di buon gusto, quasi tutti già visti; qualche buon comico sprecato, qualche pessimo comico valorizzato. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
National Lampoon’s Vacation

Viaggio di vacanza estiva della famiglia Griswold _ genitori con due figli _ da Chicago a Disneyland (California), qui ribattezzata Valley World Park. Fonte trama

N/D /1
N/D
HD
Scuola Di Ladri Parte Seconda

Quando escono uno dal manicomio e l’altro dalla prigione i due cugini trovano ad attenderli lo zio, organizzatore dei colpi precedenti che li avvia a un’altra grossa rapina. Ma questa volta i due si sono fatti furbi… Non è vero che i seguiti siano sempre inferiori al n. 1. Lo dimostra anche questa commedia farsesca. Il merito è di un’abile sceneggiatura (L. Toscano, F. Marotta e N. Parenti) che offre alla coppia Villaggio-Boldi non poche gag di effetto irresistibile. Fonte trama

N/D /1